STORIA / CULTURA / ARCHEOLOGIA INDUSTRIALE / FOTOGALLERY / GIOVECOM / IL GIOCO E L'ARTE / LAST MINUTE      
 
 
 
Premessa
L'Illuminazione
Pubblica
Illuminazione
a Olio
Illuminazione
a Gas
La Tramvia Elettrica
Lecce - San Cataldo


 


L'illuminazione Pubblica di Lecce come stimolo di progresso (fino alla metà dell'800)


Anche se lento, quel progresso economico incontra le speranze di coloro che volevano creare le condizioni per attivare nel futuro un vasto e ricco bacino d'utenza.
 

Quando i cittadini leccesi dell'Ottocento passeggiavano in città la sera, si ritrovavano nella penombra dei pochi fanali a olio (lanterne o lampioni) collocati per l'illuminazione notturna lungo le vie principali e nelle piazze della città. Nelle ricorrenze più salienti, sotto i balconi e davanti alle botteghe, sfilavano le processioni dei santi circondate da lumi a olio (le lucerneddre de Santu Ronzu) ricche dei gonfaloni variopinti delle arciconfraternite. Fra gli anni Sessanta e i primi del decennio seguente dell'Ottocento, in occasione delle feste cittadine, fra i solenni palazzi stemmati, con balconi e finestre illuminate a olio, nella strada affollata di passanti e commercianti e di fronte ad una speziera, i venditori di candele si confondevano ai distributori di manifesti teatrali.

Nel 1852 Padre Nicola Miozzi, maestro di Fisica al Collegio gesuita di S.Giuseppe, eseguì una serie di esperimenti di elettricità con la caldaia a vapore; e nel 1859 in occasione della visita del Re Ferdinando II a Lecce, eseguì una serie di esperimenti di illuminazione con lampada ad arco alimentata da pile Bunsen (Palazzo dell'Intendenza). Nel 1857 Oronzo Romano creò un apparecchio per l'illuminazione elettrica analogo a quello del Miozzi [Cfr: L.Ruggiero, Un primato leccese caduto nell'oblio, in "Lu Lampiune", a. IV (1988), n. 1, pag.13].

In questo periodo, come già nell'antica Lupiae, vige ancora il tradizionale e millenario sistema d'illuminazione ad olio di uliva e di bacche di mortella. (1)
Invero il capoluogo salentino pur non avendo alcuna tecnologia industriale nel campo della illuminazione, non fu affatto estranea o all'ombra del dibattuto contesto scientifico nazionale che si apriva particolarmente all'indomani dell'Unità d'Italia. (2)

Il diffondersi dell'illuminazione a petrolio (verso la metà dell'Ottocento), e poi a gas di petrolio, grazie alla rinnovata vitalità sociale e tecnica, favorisce anche la nascita e l'affermazione dei primi processi industriali del Salento. Prima e durante gli anni dell'apertura del canale di Suez (e dell'attracco della Valigia delle Indie nel porto di Brindisi), gli usi e le consuetudini della città di Lecce, si tipizzano nel trapasso dalla semplicità della vita contadina al tentativo di internazionalizzare le capacità produttive. Nella nostra regione di frontiera, la possibilità d'un'apertura libera ed economica, per quanto improbabile, rendeva consapevoli quelle Amministrazioni della necessità di adeguarsi in tempo, prima che lo sviluppo del Nord la travolga. Una forte spinta al progresso fu attuata negli anni 1872-73: infatti " Lecce fu, dopo Perugia, la seconda città d'Italia illuminata con gas estratto dal petrolio ". (3)

In questo contesto ed al margine dello sviluppo industriale delle aree europee, favorite da quel processo, si collocano - dunque - molte iniziative atte a promuovere lo sviluppo e l'affermazione della città di Lecce. Le memorie degli ultimi trenta anni dell'Ottocento, rappresentano oggi, lo spirito d'un traguardo storico e archeologico industriale, perchè a partire da allora e sino agli anni Trenta del Novecento, si dispiegano i primi sessant'anni d'industria locale, segnati dall'avvio delle industrie del gas e dell'elettricità. L'avvento del gas favorì inoltre, l'avvio del settore dei trasporti. L'appalto per l'illuminazione a gas di petrolio, venne concesso nel 1872, dal Comune di Lecce all'industriale belga Cassian Bon, cui farà seguito la Società Generale per l'Illuminazione a Gas (la quale assunse per diritto di cessione dell'appalto le officine leccesi appartenute alla predetta ditta Cassian Bon).
Un ulteriore atto di cessione fu operato a vantaggio della Tuscan Gas Company (Limited), registrato a Roma il 20 febbraio 1893. (4)
Con quest'ultima, l'illuminazione era ottenuta gassificando il carbone fossile. Infine, nel 1898, con l'amministrazione Pellegrino, compare l'illuminazione elettrica e, poco dopo, il trasporto elettrico su rotaia, affidato alla ditta berlinese Koppel.

Con questi 'futuristici' mezzi (illuminazione prima e locomozione poi) le due amministrazioni Pellegrino, avviano la politica della municipalizzazione dei servizi pubblici.
L'ex convento delle Angiolille (poi palazzo Carafa), diviene la sede del Municipio;
la ditta Cozza-Guardati costruisce l'acquedotto;
sorge la zona industriale della città con la fabbrica del ghiaccio e la centrale elettrica.

Anche se lento, quel progresso economico incontra le speranze di coloro che volevano creare le condizioni per attivare nel futuro un vasto e ricco bacino d'utenza.
 

 

a cura del dott.
Giovanni Greco


(1) Cosimo De Giorgi, Numero Unico per le Feste Inaugurali del giugno 1898; Tipografia Editrice Salentina, fratelli Spacciante, 1898.
(2) G.Candido (Lecce, 1837-1906) nel 1868 inaugurava la sua rete di 4 orologi elettrici sincroni da torre. Quella fu la prima realizzazione del genere in Italia ed una delle poche in Europa. Mentre il professore C.De Giorgi (Lizzanello, 1842-1922) nel 1871 dava il via ad una raccolta sistematica di osservazioni meteorologiche del Salento; terra che, grazie al De Giorgi, vanta il privilegio di essere una delle poche zone d'Italia ad avere avuto un periodo d'osservazione del clima fra i più lunghi; nel 1874 il De Giorgi inaugurò un proprio osservatorio meteorologico all'avanguardia, il secondo con quello di Castellaneta.
(3) op. cit. Numero Unico per le Feste Inaugurali del giugno 1898, a cura di C.De Giorgi.
(4) Cfr. Archivio Storico Comunale di Lecce, Cast. Carlo V; fald. X 3 1, B5

 

Segue una tesi di laurea (estratto) sui processi industriali della città di Lecce dal 1800 al 1900: l'illuminazione cittadina a carbone, a petrolio, a gas di petrolio (1873) ed elettrica; la tramvia elettrica di Lecce (1898-1933).

 

Estratto da una tesi di laurea in Archeologia Industriale,
conseguita presso la facoltà di
Conservazione dei Beni Culturali, Università degli Studi di Lecce, dal titolo:
"L'illuminazione cittadina a Lecce dal 1800 al 1900"
Relatore: Chiar.mo Prof. Gino PAPULI
Laureando: Giovanni GRECO. Lecce, 15 dicembre 1999

A partire dall'ultimo trentennio dell'800 l'illuminazione a gas di petrolio, giungeva nelle vie per mezzo di solidi bracci in ghisa, inchiodati ai muri dei palazzi (con tubatura connessa), o con colonnine come nella foto.

 
 
All Rights Reserved. | Tutti i diritti sono riservati.
Tutti i marchi citati appartengono alle aziende proprietarie.
Bel Salento non è collegato ai siti internet recensiti e non è responsabile del loro contenuto.
Vietata la riproduzione anche parziale senza l'autorizzazione degli autori.