HOME


 

Scopri i popoli
le loro tracce,
millenni di storia
del Salento


Fruizione Culturale

Arte
Storia
Cultura
Parco Letterario
Archeologia Industriale
Editoria


   Penisola
  
Comuni
   Stradario
   Numeri Utili
   Farmacie

   Meteo
   Mare
   Campagna
   Librerie
  
Biblioteche

   Dolmen
   Menhir

  
Pajare
  
Castelli
   Torri Costiere

   Agriturismi
   Masserie

   Pub e Pizzerie  
  
R
istoranti

  
Stab. Balneari

   Musei
  
Avanguardie
   Speleotrekking

  
Link
   Ricette    
   Editoria

 



Gadgets

 
 

 

 

 
 

 

 


 

      STORIA / CULTURA / ARCHEOLOGIA INDUSTRIALE / FOTOGALLERY / GIOVECOM / IL GIOCO E L'ARTE / LAST MINUTE      

  SALENTO dalla Preistoria all'Ottocento

STORIA del SALENTO dal Neolitico all'800, Dolmen, Menhir, NEOLITICO, La grotta del Cavallo, La grotta  di Serra la Cicora, La grotta dei Cervi di Porto Badisco, PALEOLITICO Le Veneri di Parabita La Mappa di Soleto, Fenici, Micenei, Japigi, Messapi, Romani, Rudiae, Appia Traiana, Bizantini, Basiliani, Saraceni, Normanni, Svevi, Angioini, Aragonesi, Spagnoli, Lecce e Barocco, Borbone, Savoia


Storia del Salento

Le Veneri di Parabita
Paleolitico Superiore        20.000 anni a.C.


 

 

 

Il culto della Fertilità

Il Paleolitico Superiore interessa l'area che va dal Gargano al Capo di Leuca, ed è ampiamente rappresento dalla Grotta del Cavallo.

La grotta delle Veneri di Parabita (Lecce) è famosa nel mondo per aver custodito due manufatti in osso: due statuette muliebri di 9 e 6 centimetri, denominate “le Veneri”, simbolo del culto de lla fertilità e della donna madre nell'ultimo stadio di gravidanza, dal seno e dal ventre gravido. Mentre volto, mani e altre parti del corpo, erano appena abbozzate. Particolare è la posizione delle braccia riunite sotto il ventre: atteggiamento che riporta ad alcune "Veneri" rinvenute in Russia. Altri esemplari si trovano sparsi in Europa in una fascia di età che va dai 25.000 ai 18.000 anni fa.

Le statuette femminili o "Veneri", risalgono a 20.000 anni fa, durante il Paleolitico superiore e anche nel Neolitico hanno rappresentato la prima manifestazione dell'arte mobiliare del Salento e del sud Italia in generale. L'arte mobiliare é fra le prime manifatture preistoriche rimasteci e sono sculture e incisioni di figure umane o di animali eseguiti su pietra, su corna, su ossa di animali.

Sono conservate presso il Museo Civico di Paleontologia di Maglie, oltre a resti fossili della fauna preistorica del Salento.

 

A cura del dott. Giovanni Greco



... in continuo aggiornamento ...

 
 

Soleto: la più antica mappa geografica mai rinvenuta (del V secolo)

Le Veneri di Parabita


 Qualora vi fossero inesattezze, contattare belsalentoweb@libero.it

 
 

Editoria in belsalento.com

Arte Raku

Ogni terra produce i suoi frutti e ogni frutto il suo seme


 
CAPPELLO, VENTAGLIO, CALENDARIO, PORTASIGARETTE, BLOCK-NOTES


 



CELTIBERIA.NET

   

 



BelSalento.com® è un marchio registrato -
©Tutti i diritti riservati


Servizi di fruizione culturale
Contatta il webmaster
belsalentoweb@libero.it 


Scrivi a BelSalento.com


by
GIOVECOM



Editoria in belsalento.com


Progetto grafico e web design
Giovanni Greco
Copyright © 1998-2006 by GIOVECOM



All
Rights Reserved. | Tutti i diritti sono riservati.
Tutti i marchi citati appartengono alle aziende proprietarie.
Bel Salento non è collegato ai siti internet recensiti e non è responsabile del loro contenuto.



Arte Storia Cultura Comuni Archeologia Tradizioni Foto
             
             

 
.com


... in continuo aggiornamento ...

Impostare la Risoluzione Video a 1024x768. Set Video Resolution to 1024x768

Tutti i marchi citati appartengono alle aziende proprietarie.
Bel Salento non è collegato ai siti internet recensiti e non è responsabile del loro contenuto.
 E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DEGLI ARTICOLI SENZA PERMESSO DELLA REDAZIONE.